delete

La tua Vacanza a Valmontone

Vieni a trovarci al Dreams Valley B&B Valmontone il bed and breakfast a due passi da Rainbow Magic Land.

Possono esserci diversi motivi per visitare Valmontone, la piccola cittadina alle porte di Roma. Le ragioni principali per cui la gente visita questa località sono fondamentalmente 2:valmontone

1) una visita al parco giochi Rainbow Magic Land

2) fare una passeggiata e dello shopping nell’ outlet di Valmontone.

Quello che non tutti sanno però è che Valmontone offre molto di più di tutto questo, è una cittadina piena di verde e di aree di interesse archeologico, storico e culturale.

Potrete visitare decine di siti, tra cui la Collegiata ovvero la “Chiesa di Santa Maria dell’Assunta” costruita sulle spoglie dell’omonimo tempio gotico risalente al XII secolo, commissionata da Gianbattista Aldobrandini Pamphilj.

La chiesa di Sant’Antonio (Santa Maria delle Grazie), edificio in stile romanico di epoca medievale sopravvissuto ai bombardamenti della seconda guerra mondiale. Il Santuario della Madonna di Gonfalone, realizzato nel 1508 e restaurato nel 1738. La chiesa di Santo Stefano, costruita nel 1624 al posto di una chiesa ancora più antica. L’antica basilica di Sant’Ilario, e le sue catacombe.

Oltre a questo non mancano i Musei e gli Eventi mondani e gastronomici, il museo più famoso è sicuramente quello situato al piano terra del Palazzo Doria-Pamphilij, mentre uno degli eventi più importanti è la Festa delle Cantine Aperte, che ha l’obiettivo di promuovere i costumi e le tradizioni della cittadina; durante questo evento diverse cantine presenti a Valmontone si trasformano in tradizionali piccole osterie di paese dove la gente può assaporare del buon vino accompagnato da piatti tipici il tutto con il sottofondo della musica tradizionale itinerante.

Oltre a questo, nel nostro B&B potrete godere di un servizio al livello di un hotel 5 stelle in una location da sogno, una villa contornata di verde per permettervi di riposarvi e concedervi qualche ora di relax tra una sessione di shopping all’ outlet, due ore di divertimento sfrenato al parco giochi Rainbow Magicland e una visita culturale al centro della cittadina.

Il nostro obiettivo è quello di farvi trascorrere la migliore vacanza possibile e di fare in modo che torniate presto a trovarci per godervi un’altra splendida vacanza a Valmontone!

delete

L’importanza di una visita Cardiologica

I Cardiologi sono i medici specializzati nella diagnosi e nel trattamento delle malattie o problemi del cuore e dei vasi sanguigni – ovvero il sistema cardiovascolare o apparato circolatorio.Cardiologo a Roma

Potresti anche prenotare una visita da un cardiologo per imparare e conoscere quali potrebbero essere i tuoi fattori di rischio per eventuali malattie del cuore e scoprire quali misure potresti mettere in pratica per una migliore salute del cuore. Clicca sul link per visitare un buon Cardiologo Roma e richiedere una visita online.

Quando hai a che fare con una condizione di salute complessa come una patologia cardiaca, è importante che tu riesca a trovare lo specialista migliore per la tua situazione specifica. La diagnosi di una patologia cardiovascolare spesso comincia dal tuo medico primario, che poi ti consiglia di visitare uno specialista cardiologo. Il Cardiologo valuta i tuoi sintomi e richiede la storia della tua salute, ed eventuali malattie passate, ed eventualmente ti può raccomandare dei test per una diagnosi più precisa.

Poi il tuo cardiologo decide se la tua condizione può essere o meno gestita da lui o lei prescrivendoti delle medicine o altri eventuali trattamenti specifici. Se il tuo Cardiologo decide che hai bisogno di un intervento chirurgico, nel caso in cui non sia lui stesso un chirurgo, ti raccomanderà un cardiochirurgo, che è specializzato in operazioni sul cuore, polmoni e vasi sanguigni. Di solito rimani comunque sotto la cura del tuo cardiologo, anche quando quest’ultimo ti manda da altri specialisti.

La Cardiologia è un campo della medicina molto complesso, al punto che molti cardiologi sono specializzati in differenti aree della cardiologia generale. Tutti i cardiologi sono cardiologi clinici che si concentrano sulle diagnosi, la gestione medica ovvero l’uso delle medicine e dei trattamenti, e la prevenzione di malattie cardiovascolari. Qualche cardiologo clinico è specializzato in cardiologia pediatrica, che sarebbe quella branca della cardiologia che diagnostica e cura i problemi di cuore nei bambini. Quando un cardiologo clinico si occupa solo di pazienti adulti, si tratta di uno specialista in cardiologia per adulti. Altri cardiologi clinici possono essere specializzati in procedure di intervento come angioplastica, ecocardiogrammi, o elettrofisiologia.

I cardiologi solitamente ricercano e sviluppano continuamente nuove tecniche per i trattamenti delle malattie del cuore e del sistema vascolare.

delete

Taxi e NCC

Taxi NCCIl ruolo del taxi nel complesso sistema della mobilità cittadina

Quando si parla di mobilità cittadina o quando ci si sposta da una città a un’altra es. Civitavecchia to Rome , il trasporto pubblico di linea e non, è sempre in primo piano, così come sempre più spesso nei programmi politici, l’argomento trasporti viene sfruttato da ogni schieramento per richiamare l’attenzione di gran parte dell’elettorato, dando la speranza di affrontare un futuro meno caotico sul piano del traffico in città e con un impatto ambientale meno disastroso per la salute di tutti. Poi nella realtà non è proprio così, anzi spesso l’esatto contrario.

La mancanza di una politica concreta, orientata a fermare l’invasione delle auto private nella cinta urbana o almeno nel centro città, l’inefficienza del servizio pubblico di linea e la scarsa attenzione dell’amministrazione locale allo sviluppo del servizio pubblico non di linea, determinano nel cittadino, che è costretto per necessità a muoversi, lo sconforto totale.

Per fortuna c’è l’ottimo servizio NCC ROMA che permette ai cittadini di muoversi nella capitale in maniera rapida e confortevole, anche se spesso non è alla portata di tutte le tasche.

Non è bastato nemmeno il decreto legge n.422 del 19 novembre 1997, a convincere gli amministratori locali, se non in casi rari, che sarebbe stato opportuno iniziare almeno a sperimentare l’integrazione tra il servizio di trasporto pubblico di linea e quello non di linea, eppure tale legge all’articolo 14 comma 5, è ben precisa e recita come segue: “ Gli enti locali, al fine del decongestionamento del traffico e del disinquinamento ambientale, possono organizzare la rete dei trasporti di linea nelle aree urbane e suburbane diversificando il servizio con l’utilizzazione di veicoli della categoria M1. Detti veicoli devono risultare nella disponibilità di soggetti aventi i requisiti per esercitare autoservizi pubblici non di linea o servizi di trasporto di persone su strada.

Gli enti locali fissano le modalità del servizio e le relative tariffe e affidano detti servizi, ai soggetti che esercitano autoservizi pubblica non di linea”.

Il servizio taxi potrebbe integrarsi agevolmente con il trasporto pubblico di linea, la sua spiccata vocazione al trasferimento di singoli o di piccoli gruppi di persone, potrebbe garantire senza alcun dubbio, qualità ed efficienza sostituendo totalmente o in parte quelle percorrenze affidate alle linee pubbliche locali, sulle quali vi è una scarsa presenza di passeggeri.

Questo è solo un esempio, rispetto ad uno scenario fatto di opportunità molto più ampio rispetto, ma è anche la maniera di rispondere a chi tenta di strumentalizzare la questione. È anche vero che il taxi è un servizio rivolto ad una clientela indifferenziata, ma è altrettanto vero che negli ultimi anni per tante ragioni questa clientela si è assottigliata notevolmente, caratterizzando una mancanza di domanda tale, da rendere la situazione allarmante e preoccupante.

Il taxi spesso è considerato un mezzo di trasporto caro e non veloce, anche perché in molti casi è costretto ad accodarsi nel traffico, unitamente ai mezzi di trasporto locale. Ma cerchiamo di capire i perché:

città sempre più spesso paralizzate, mancanza di corsie preferenziali, quelle esistenti preferite da tutti, molti cantieri aperti. Sono questi i principali motivi per cui il tassista potrebbe essere candidato al fallimento professionale.

Ciò nonostante il tassista investe in qualità:

con oneri economici a proprio carico. Eppure tutto questo sembra non bastare: un parco macchine rinnovato in media ogni due anni; servizi supplementari sempre più efficienti (carte di credito, telefono, fax, PC); radiotaxi operativi 24 ore su 24 ore che offrono convenzioni prenotazioni e pagamenti differenziati.

È proprio il caso di dire: indifferenza anche di fronte ad un notevole potenziale.

Tengono banco invece, argomenti come la liberalizzazione delle licenze , articoli giornalistici mirati alla mancanza di taxi agli scali in determinate fasce orarie, senza mia evidenziare le lunghe attese che spesso i tassisti affrontano nelle aree di sosta prima di imbarcare un cliente, e tutto quando possa distrarre l’attenzione dai reali problemi di questa categoria di lavoratori, che in gran parte dei casi assolvono al difficile compito di operatore di mobilità con molta dignità e professionalità.

Dunque c’è bisogno di una inversione di tendenza, di una capacità politica in grado di capire che il complesso sistema dei trasporti nella mobilità cittadina, merita approfondimenti seri e concreti, ma soprattutto programmi che tengano conto di tutti gli attori coinvolti, cercando di affidare ad ognuno il giusto ruolo, tenendo conto dei costi e benefici, ricordandosi di un elettorato che non merita di rimanere a piedi , ma soprattutto che, in questo elettorato rientrano i tassisti italiani con le relative famiglie.

Quindi, a prescindere dai colori politici, dai quali rimaniamo sempre equamente distanti per ovvie ragioni, auspichiamo che presto possa aprirsi un tavolo di confronto nazionale che partendo da una rivisitazione della legge 21 del 92, ormai superata affronti tanti altri argomenti rientranti nel mondo taxi, risollevando una categoria ormai a ruote sgonfie.